Domenica, 22 10 2017
Dimensione Testo
Mar 16
2015

Nomina nuovo sovrintendente del Teatro Comunale di Bologna

Inserito da:

Taggato in: Untagged 

Esprimo le mie congratulazioni al maestro Nicola Sani per aver saputo convincere il sindaco Merola
e il ministro Franceschini di possedere le competenze necessarie per svolgere l'incarico di
Sovrintendente del Teatro Comunale di Bologna.Il mio augurio va parallelamente alla Città perché sappia
trovare,grazie alla sensibilità di amministratori e di cittadini illuminati, imodi per controllare da vicino la
futura gestione del teatro, sia dal punto di vista economico, che artistico-culturale. In questi quattro
anni in cui il Maestro ha svolto il ruolo di "consulente artistico",infatti, in molte occasioni le sue proposte
non hanno raggiunto quei risultati di pubblico (e quindi economici) e di apprezzamento critico
(sul piano artistico-culturale) auspicabili, poiché sono risultate elitarie e non consapevoli della domanda
musicale del pubblico bolognese.
Auspico, infine, che il sindaco Merola riveda la sua decisione annunciata di delegare la presidenza del
Teatro all'assessore alla Cultura e, come ha fatto il sindaco Giuliano Pisapia a Milano, mostri il
suo affetto e il grande valore del Teatro Comunale per la nostra comunità rimanendone presidente.

Denuncia dei Lavoratori del Teatro Comunale

Inserito da:

Taggato in: Untagged 

 

Ho ritenuto giusto per la nostra causa pubblicare il contenuto di una mail da me ricevuta da parte del Vice Segretario Territoriale della FIALS Roberto Ledda

Egregio Sig. Rino Maenza, chi le scrive è  un lavoratore, del Teatro Comunale di Bologna. Ho una carica sindacale Vice segretario provinciale del sindacato Autonomo FIALS. Nel condividere le sue osservazioni, verso la nuova governance del Teatro comunale di bologna, ribadisco anche le mie perplessità sulle scelte politiche... 

Teatro Comunale CDA: Verso la nuova governance

Inserito da:

Taggato in: Untagged 

Teatro Comunale CDA: Verso la nuova governance

Così ne ha parlato la DIRE:

<<Ancora un ritardo nel pagamento degli stipendi del Teatro comunale di Bologna, che era previsto per oggi. Lo ha comunicato ai dipendenti il sovrintendente Francesco Ernani. La buona notizia, però, è che le buste paga dovrebbero arrivare per il 19 dicembre: questo grazie ad un "atto liberale" dell'Unicredit che, di fatto, ha deciso di donare due milioni di euro al Comunale. È la buona notizia resa nota dal consigliere Rino Maenza, al termine della seduta di Cda che si è svolta oggi.>>

La prima radio libera italiana festeggia 40 anni

Inserito da:

Taggato in: Untagged 

Radio Bologna per l'accesso pubblico, Bologna 1974-2004

Dal febbraio 1923, anno di fondazione da parte del regime fascista dell’ente radiofonico Uri, convertito poi in Eiar e quindi in Rai Tv, al novembre 1974, nessuna città italiana aveva mai ricevuto attraverso la radio una voce diversa da quella delle centrali dell'informazione di stato.

Alle ore 11 di mattina del 23 novembre 1974, per la prima volta nella storia delle comunicazioni del nostro paese, un’emittente indipendente, democratica e cittadina iniziò una serie di trasmissioni radiofoniche all’insegna del principio dell'accesso pubblico per fare arrivare a una città intera la voce dei propri cittadini senza veli e censure. Fu un evento unico, un contributo per la democratizzazione della Rai Tv ed il suo effettivo decentramento a livello di base, un'esperienza fondamentale verso la costruzione della libertà di comunicazione che servì anche ad aprire la strada alla televisione libera.

Mar 05
2012

Ciao Lucio!

Inserito da:

Taggato in: Untagged 

consigliere maenza ricord lucio

maenza_right